Un coro dal mondo

Domenica 25 Gennaio (Ciclo di incontri)

Hai perso il workshop ma vorresti partecipare al prossimo?
Non disperare! Inviaci una mail e ti contatteremo non appena sarà di nuovo in programma!

Un coro dal mondo

Progetto di laboratorio musicale interculturale per la costituzione di un coro e combo strumentale multietnico aperto a cittadini stranieri e italiani.

Il progetto prevede un percorso musicale nella prospettiva interculturale allo scopo di realizzare una forte esperienza intesa come incontro/confronto tra le persone e le diverse identità musicali.

Le attività su cui si basa il lavoro musicale sono la pratica vocale che attinge al repertorio di canti proposti dai partecipanti e l’utilizzo di percussioni etniche e strumenti vari.

Obiettivi di carattere generale

Obiettivo primario del nostro percorso è riconoscere le identità e le somiglianze e comprendere le ragioni delle diversità: si tratterà di mettere in luce quanto è comune al fare musica in tutti gli uomini ma anche la diversità dei linguaggi dovuta ai differenti contesti storico-sociali e ambientali.

Per realizzare concretamente la dimensione interculturale l’esecuzione vocale/strumentale sarà integrata da riflessioni sulle funzioni, sulle pratiche sociali, sui rapporti che la musica instaura con l’arte, la religione, la storia di una cultura.

Fine ultimo di un percorso interculturale è quello di rafforzare la conoscenza e la valorizzazione delle “radici” e nello stesso tempo la consapevolezza che l’integrarsi e il contaminarsi con le altre culture non minaccia il senso di identità ma arricchisce le persone, la musica e la cultura di ciascun popolo.

Obiettivi musicali

Il cantare, suonare, fare musica insieme sono momenti privilegiati per l’effettiva applicazione degli elementi musicali e delle strutture di base del linguaggio musicale, dai parametri del suono (altezza, intensità, durata, timbro) alla dimensione melodica, ritmica, armonica, formale, ai concetti di ripetizione variazione/trasformazione e contrasto.

I canti, di varie culture in lingua originaria, seguendo il criterio della tradizione orale verranno appresi per imitazione senza l’ausilio della lettura delle note, facendo però attenzione alla fonetica dei testi.

La pratica vocale migliora: l’intonazione, la qualità espressiva della voce, il canto a più voci, l’ascoltarsi e l’ascoltare gli altri. L’attività ritmica sviluppa la sincronia, l’andare a tempo ed il controllo della velocità, fa acquisire sicurezza e indipendenza ritmica da semplici ritmi alla poliritmia. Inoltre la musica per la sua forte valenza emotiva e affettiva opera spontaneamente l’avvicinamento e la sintonia fra le persone.

Tutte le date

  • Domenica 25 Gennaio dalle 16.30 alle 18.30
  • Domenica 15 Febbraio dalle 16.30 alle 18.30
  • Domenica 1 marzo dalle 15.00 alle 17
  • Domenica 15 Marzo dalle 15 alle 17

Stefano Fariselli & Mamadou Lamine Maiga

Mamadou Lamine Maiga, Stefano Fariselli

Stefano Fariselli -  Sassofonista, Flautista arrangiatore Cesenaticense Iscritto al conservatorio dall'età di 13 anni studia il flauto e nel frattempo si avvicina alla musica Jazz studiando il sassofono tenore. A 17 anni ottiene il suo primo ingaggio, qualche anno dopo forma il suo primo quartetto Jazz e a 24 anni ottiene un ingaggio con il quale lavorerà in Svezia, Germania, Finlandia. Vanta collaborazioni quali : Bruce Forman, Joe Garrison, Patrizio Fariselli, Max Furian, James Zollard, Chuc McPerson, Oscar Zenari, Pancho e Pepe Ragonese, Giovanni Giorgi, Ed Cherry, Alex Marchetti Big Band, Michele Francesconi, Roberto Monti, Roberto Bartoli, ecc..., e Randy Bernsen, chitarrista di Miami USA, che lo vede collaboratore con Zawinul Syndacate prima e con la J. Pastorius Big Band poi.

Mamadou Lamine Maiga - Cantante senegalese, ha il suo esordio musicale con il gruppo "Le canaris de Kaolak" si unisce successivamente ad un altro gruppo molto famoso "Le number one", con il quale parte diverse volte in tournèe in Senegal. Il vero trampolino di lancio arriva con il gruppo “Super Diamano” con il quale lavora per 12 anni raccogliendo enormi successi anche all’estero, grazie alle numerose tournèe in Europa, Stati uniti d’America, Asia e Paesi Scandinavi, durante le quali condivide la scena con alcuni tra i più famosi nomi della scena musicale mondiale, quali: Peter Gabriel, Sting, Joe Cocker. Successivamente decide di seguire il lavoro di Lamine Faye affiancandolo in un nuovo gruppo chiamato Lemzo Diamano.

 

INFORMAZIONI

  • Data: Domenica 25 Gennaio (Ciclo di incontri)
  • Data: Domenica 25 Gennaio (Ciclo di incontri)
  • Orario: Dalle 16.30 alle 18.30
  • Luove: Centro Culturale Khatawat
  • Info: Inviaci una mail - 340.2518807
  • Costo:
  • Immagine: Scarica il file
  • I nostri seminari non sono finanziati da altra fonte oltre le quote di iscrizione degli allievi, per cui chi è interessato deve sapere che versare l'acconto con un ragionevole anticipo è l'unico modo per evitare che il seminario sia rimandato o cancellato Scopri come